Shares
01:51:44
21 Feb

ETTORE PRANDINI: “CON L’ACCORDO TRA UE E GIAPPONE SI LEGALIZZA L’AGOTERAPIA”

Gen 25, 2018

“Bisogna fermare il proliferare di questi accordi capestro, che legalizzano l’agropirateria e che trattano il settore agroalimentare come semplice merce di scambio, in barba al pesante impatto che ciò comporta sul piano economico, occupazionale e ambientale”.
È quanto afferma Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Brescia e Coldiretti Lombardia, alla luce dell’accordo di libero scambio siglato tra Ue e Giappone, che autorizza per i prossimi anni la produzione e vendita di Asiago, Fontina e Gorgonzola Made in Japan ma anche di imitazioni locali con i nomi “grana”, “padano”, “romano”, “provolone”, “mortadella” e con il preoccupante via libera totale al Parmesan dagli occhi a mandorla.
“Così come sono pensati – continua Prandini – questi accordi sono dei veri e propri cavalli di Troia per il nostro agroalimentare: nel caso del Ceta ad esempio rischia di non funzionare neppure il meccanismo delle quote di esportazione in Canada dei formaggi europei e italiani, visto che il sistema, ideato dagli stessi canadesi e accettato dall’Europa, sta portando i costi di “affitto” delle quote a valori stranamente simili a quelli dei dazi formalmente cancellati”. Ed è stato proprio il Trattato di libero scambio con il Canada, dove sono falsi quasi nove formaggi di tipo italiano in vendita su dieci, – spiega Coldiretti Lombardia – ad aprire la strada alla legalizzazione dell’agropirateria, legittimando per la prima volta nella storia dell’Unione Europea le imitazioni del Made in Italy che sfruttano i nomi delle tipicità nazionali.

Lascia un Commento

Articoli più cliccati della categoria