PER TRE RESIDENZE SANITARIE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA E BRESCIA

09 Ottobre 2017
K2_ITEM_AUTHOR 

Gita fuori porta al Santuario di Caravaggio

I momenti di incontro e di scambio culturale per una residenza sanitaria assistenziale sono a dir poco indispensabili per la buona riuscita di una sana relazione con gli ospiti che vi soggiornano. Così gli animatori di tre diverse residenze per anziani- Fondazione Madonna del Corlo onlus di Lonato del Garda, Fondazione San Biagio di Cavriana, Fondazione Nicolai di Volta Mantovana- si sono incontrati e hanno organizzato una fantastica gita al Santuario di Santa Maria della Fonte in località Caravaggio, supportati da un nutrito gruppo di volontari a far da spalla per qualunque esigenza e da un significativo gruppo di ospiti contenti di trascorrere una giornata diversa dalle altre.

La storia del Santuario è davvero interessante e ricca di particolari: la prima notizia documentata dell’Apparizione risale al 31 luglio 1432, e si può leggere in una pergamena del 31 luglio 1432 rinvenuta a Cremona fortunosamente tra antiche carte di curia dal paleografo Ippolito Cereda nel giugno 1857. Per quanto l'originale sia poi misteriosamente divenuto di nuovo introvabile, ne abbiamo per fortuna due successive trascrizioni (1857-1878), la prima delle quali autenticata da tre notai cremonesi  nel giorno stesso della trascrizione il 9 giugno 1857 e due edizioni a stampa (Milano 1872-1879).
Questa è la prova diretta sia dell’Apparizione avvenuta sia del Santuario costruito sul luogo dove era apparsa la Madonna. E cioè: che dopo l'Apparizione, dei rappresentanti notabili e popolari della comunità di Caravaggio si recarono dal vescovo di Cremona a testificare il fatto, per sottoporlo a esame canonico. Riconosciuto l’evento degno di credibilità, ottennero l’autorizzazione di edificare una chiesa con ospedale annesso sul luogo dell'Apparizione, e la determinazione del regime canonico delle due istituzioni. Il messaggio che Maria ha consegnato a Giannetta la sera di lunedì 26 maggio 1432 viene riproposto ai pellegrini anche attraverso le celebrazioni che, ogni venerdì e sabato dell’anno, si svolgono nei luoghi più cari alla devozione popolare, cioè il fonte e lo speco. La gita è stata occasione per trascorrere una giornata all’insegna della preghiera e dello svago, al termine della celebrazione religiosa, tutti insieme si sono recati presso un ristorante nelle vicinanze e hanno trascorso un momento di simpatica e piacevole convivialità. Gli animatori al termine della gita si sono sentiti appagati e soddisfatti per il risultato ottenuto e si sono accordati per una prossima gita insieme.

Lascia il tuo commento


logo il gazzettino nuovo
Settimanale di informazione per le province di Mantova e Brescia dal 1987

 


In onda dal 1977

 

Editore: RADAR SRL
46043 Castiglione delle Stiviere (Mantova)
via Marconi, 2 - tel. +39 0376 631709
info@ilgazzettinonuovo.it - PEC: radar@registerpec.it
P.Iva e Iscrizione Registro Imprese 01512920206

capitale sociale € 24.500 i.v. - REA.: MN163599

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati.
È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.

Questo sito utilizza cookie di profilazione [propri e di altri siti] per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze…Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cookie policy. Accetto i cookie da questo sito. Accetto